I pensieri di Pig (3)

“Hai sentito Renzi: il Pd resta ribelle”
“Dammi il cinque, fratello!”.
(Pig 13-10.902)

Leggendo, seppur colpevolmente, il Giornale di Sallusti, compagno della Santanchè, si rileva un paradosso.
Al contrario della vulgata, secondo cui il quotidiano uccide il ménage, là è il ménage che uccide il quotidiano.
(Pig 13-10.925)

“I Forconi si sono spaccati”
“Allora sono di sinistra”.
(Pig 13-10.892)

Mentre vediamo il Tg mia madre chiede: “Cos’è il Mattarellum?”.
Infarino una spiega.
Osserva: “E io che mi chiedevo che c’entrano le elezioni col mattarello?”.
Per dire quant’è lontana la politica dalla gente. Ancora mattarellum? E pasta!
(Pig 13-10.876)

Renzi sfida Grillo.
Rinuncia ai soldi pubblici se lui approva la legge elettorale.
Grillo è indeciso.
Non sa se mettere Renzi nella black list dei segretari di partito o dei sindaci.
(Pig 13-10.839)

Abolito il finanziamento ai partiti, si passa alle donazioni private.
Berlusconi ha già promesso che chi vota Forza Italia
riceverà un paio di scarpe, ma dopo le elezioni. Prima avrà i rialzi.
(Pig 13-10.786)

“Tu li daresti 5 euro per finanziare il tuo partito?”
“Sì, se il tasso è conveniente”.
(Pig 13-10.802)

Presto riformato anche l’art.1 della Costituzione
“L’Italia è una Repubblica fondata sulla ricerca di un lavoro”.
(Pig 13-10.801)

Pig è lo pseudonimo utilizzato su facebook dallo scrittore e autore televisivo, Pietro Gorini. Con Gianfranco Tartaglia firma vignette con lo pseudonimo di PassePartout. Entrambi collaborano con la pagina facebook di È la politica, bellezza

Annunci