Il grillino, l’insulto e il Presidente

Giorgio Sorial, deputato M5S, durante una conferenza stampa a Montecitorio:

“Ha messo una tagliola sulle opposizioni. Il ‘boia’ sta avallando una serie di azioni per cucire la bocca all’opposizione e tagliarci la testa”.

Il presidente dei senatori Maurizio Santangelo ha aggiunto:

“Lo abbiamo detto da tempo, ci lavoriamo da tempo, non escludiamo che a breve questo lo stato d’accusa venga formalizzato. Concordiamo tutti”.

Criticare, non solo è legittimo, ma doveroso, così come lo è fare “ostruzionismo” in Parlamento, ma l’insulto non è né uno strumento critico, né un mezzo per sostenere le proprie convinzioni. Ho saputo che è stato presentato un esposto per “vilipendio al Capo dello Stato”. Lo ritengo giusto, perché io – come italiano – mi sento offeso dalle parole pronunciate dal deputato del M5S.

Annunci