Quando D’Alema nel 1997 anticipò Renzi…

È il febbraio del 1997 quando Massimo D’Alema, segretario del PDS, concludendo il congresso al Pala Eur di Roma, si rivolse all’allora leader della Cgil, Sergio Cofferati, esortandolo ad una “riflessione critica” sulla difesa ad oltranza delle categorie “forti” e ad occuparsi di più dei lavoratori privi di tutele, dei disoccupati. “La mobilità e la flessibilità“, disse D’Alema, “sono un dato della realtà è necessario costruire nuove e più flessibili reti di rappresentanza e di tutela del lavoro“. Sono parole che segneranno, da lì in avanti, il rapporto tra il più grande partito della sinistra italiana e il mondo del sindacato.

Di seguito il video di Matteo Renzi diffuso oggi dalla Presidenza del Consiglio in risposta alla minaccia di sciopero generale paventata da Susanna Camusso e Maurizio Landini.sindacato

Stili diversi, linguaggi diversi, certo! Ma se il ragionamento di Matteo Renzi ha un precedente, quel precedente è proprio nel discorso di Massimo D’Alema del 1997.

 

Annunci