Storia di una foto

Questo post l’avevo pubblicato l’8 giugno 2013 (in tempi non sospetti). Ho deciso di ripubblicarlo perché la foto in questione è tornata d’attualità.

Parentopoli era già scoppiata al tempo della cena e – mi viene da chiedere agli esponenti del Pd presenti. anche alla luce dell’inchiesta “Mafia Capitale” –  era opportuno cenare insieme ai protagonisti di quello scandalo? Non bastava l’aula del Campidoglio per confrontarsi sui temi di cui dite di aver parlato durante la cena con l’allora Sindaco di Roma?

romafaschifo
La foto ( ma non quella di cui voglio parlare) è stata pizzicata in rete dai blogger di “Roma fa schifo” e com’è noto ritrae il primo cittadino di Roma assieme a Luciano Casamonica…
935809_383739521744632_4246988_n
Com’era prevedibile la foto finisce sulla stampa quotidiana, con qualche inesattezza…
alemanno-casamonica-32
“Non sono un trafficante di droga, non appartengo ad alcun clan rom. E sono incensurato. Quella foto con Alemanno è stata fatta tre anni fa quando facevo il giardiniere per una cooperativa di ex detenuti. Non lo conoscevo nemmeno”, si affretta a precisare Luciano Casamonica attraverso il suo avvocato…
10849764_10201943601590144_1736613210773414400_n
Salvatore Buzzi (in polo rossa); Luciano Casamonica (maglietta azzurra con scritta Italia) e Gianni Alemanno

 

aledanno
Un Alemanno piuttosto nervoso – nel corso del confronto televisivo andato in onda su SkY – spiega che la foto era stata scattata nel 2010, al Baobab, centro di accoglienza per immigrati e richiedenti asilo, durante una cena organizzata dalla Lega coop. Ed ha aggiunto che a quella cena c’erano anche esponenti di spicco del Pd romano… ” a quella cena erano presenti al tavolo del sindaco anche illustri esponenti del Pd come è facilmente documentabile dalla fotografia allegata (eccola la foto di cui voglio parlare N.d.A.). Oltre a me, infatti, c’erano anche l’ex capogruppo, oggi parlamentare, Umberto Marroni, suo padre Angiolo, garante dei detenuti della Regione Lazio, Daniele Ozzimo, consigliere capitolino del Pd”.
alemanno casamonica (1)
Salvatore Buzzi, presidente della coop di servizi sociali “29 giugno”, sentendosi evidentemente chiamato in causa come organizzatore della cena si giustifica così: “Per due anni, insieme ad altre nove cooperative abbiamo lottato contro Alemanno che voleva tagliarci i fondi. Abbiamo organizzato sette manifestazioni in Campidoglio. Alla fine abbiamo raggiunto un accordo e perciò c’è stata quella cena (…) Invitammo i politici che ci erano stati a fianco, per questo c’erano anche esponenti del Pd. E in verità gli “esponenti” si riconoscono con una certa facilità”.

Insomma dopo “aspra lotta” si siglò la pace. Quale migliore occasione di una cena poteva esserci? Naturalmente non poteva mancare il capogruppo del Pd al Comune, visto che c’era il Sindaco di Roma. Sono certo che se Umberto Marroni avesse declinato l’invito, Alemanno ci sarebbe rimasto male. E il fatto che accanto all’ex capogruppo sia seduto l’ex segretario generale dell’Unire, oltre che ex amministratore delegato dell’Ama, oltre che caro amico del Sindaco, oltre che responsabile di tante assunzioni proprio all’Ama, Franco Panzironi, non può che essere la dimostrazione del riguardo di Alemanno. Gli amici, quelli veri, si fanno sedere accanto agli ospiti più illustri.

I commensali ridono, si stringono le mani, chiacchierano (chissà di cosa?) in quella che sembra una “cena sociale” tra colleghi. Insomma tutto normale, queste cose accadono in “politica”. Perché meravigliarsi?

Eppure a me tutto questo non sembra affatto normale. C‘è qualcosa di stonato – mi permetto di annotare – nella foto cameratesca, dove il sindaco di Roma e il capo dell’opposizione in Campidoglio si sorridono l’un l’altro come vecchi amici! 

Annunci