Molto rumore per nulla

Mario Mauro ha lasciato la maggioranza insieme a Tito Di Maggio.

L’altro senatore del gruppetto Popolari per l’Italia, Angela D’Onghia, non ha invece alcuna intenzione di abbandonare la poltrona di sottosegretario all’Istruzione e, da quanto si riesce a capire, resterà. Quando hai riscaldato un posto è difficile che ti venga voglia di alzarti e rimetterti a camminare.

La sintesi politica dell’accaduto l’ha fatta Luigi Zanda, capogruppo del PD al Senato:

i due, pur non essendo ufficialmente all’opposizione, finora hanno sempre votato contro l’esecutivo in tutti i provvedimenti più importanti

Insomma: molto rumore per nulla.

Mario Mauro non è nuovo agli abbandoni, anzi sembrerebbe che facciano parte del suo DNA politico (sempre che si possa parlare di politica, sic!). Di lui il laconico Mario Monti aveva detto:

prima ha offerto fedeltà al governo poi è andato a pranzare con Berlusconi che, invece, destabilizza l’esecutivo. E allora, è lui ad aver tradito

 

Annunci