Se fossi in Marino non starei tranquillo…

Ah, ma adesso basta, si cambia. Anche perché tra un anno si vota nelle grandi città. Torino, Milano, Bologna, Napoli, forse Roma. Se fossi in Marino non starei tranquillo. L’ha detto Matteo Renzi, in un colloquio con il quotidiano ‘La Stampa’.

Io credo in modo oggettivo che questa sindacatura è stata profondamente contaminata. Marino è politicamente responsabile. I cinque stelle dicono che il buonismo di Marino è connivenza, Io non penso che Marino è buono, direi piuttosto un gran furbone. L’ha detto Alfio Marchini intervistato da Giovanni Minoli nel corso di Mix 24 in onda su Radio 24

In qualsiasi paese civile, dopo uno scandalo del genere e dopo un così forte coinvolgimento della sua maggioranza in un’indagine come ‘Mafia capitale’, un sindaco si sarebbe dimesso, facendo quanto meno un ultimo atto di dignità verso la città. L’hanno scritto i consiglieri comunali del M5s in una mozione di sfiducia, che al momento non ha ancora i 2/5 delle firme necessarie per essere presentata.

Intanto nei corridoi dell’aula Giulio Cesare si litiga per i malumori provocati dalla richiesta di dimezzare le Commissioni e per il conseguente “giro di valzer” delle poltrone di presidente. Uno spettacolo indegno, che basterebbe da solo a screditare molti tra gli eletti nelle fila della maggioranza in Campidoglio e a suggerire il “tutti a casa”.

Marino si difende nel solito modo. “Noi pensiamo al futuro della città, una città che cambia e va avanti”. Sul fatto che Roma stia cambiando non c’è alcun dubbio. Resta da capire qual’è la direzione del cambiamento e, soprattutto, se il sindaco è davvero capace di governarlo. Cosa penso di Ignazio Marino l’ho scritto qui.

Per il resto credo che i giochi siano ancora tutti da fare. Come ha fatto notare Matteo Orfini con una punta di ironia, Matteo Renzi non ha detto a Marino stai sereno. Gli ha detto stai tranquillo.

Non penso si tratti di un avviso di sfratto, perché sarebbe davvero difficile per il Pd ripresentarsi agli elettori con un sindaco dimissionario, cinque consiglieri arrestati e zone d’ombra tutt’altro che chiare.

Ignazio Marino è una persona per bene. Non c’è alcun dubbio su questo, ma deve cambiare passo

Annunci